Il luogo

É un paesino che si trova nella fascia interna delle preserre, sul versante tirrenico, alle pendici del monte Crocco, sul fianco sinistro del fiume Marepòtamo, affluente del Mèsima. Confina con i comuni di Dinami, Acquaro e Fabrizia (in provincia di Vibo Valentia), di Galatro, Laureana di Borrello e Serrata (in provincia di Reggio Calabria).

É un paesino che si trova nella fascia interna delle preserre, sul versante tirrenico, alle pendici del monte Crocco, sul fianco sinistro del fiume Marepòtamo, affluente del Mèsima. Confina con i comuni di Dinami, Acquaro e Fabrizia (in provincia di Vibo Valentia), di Galatro, Laureana di Borrello e Serrata (in provincia di Reggio Calabria). L’origine di Caridà, secondo quanto riferito da G. B. Marzano in “Scritti”, risale probabilmente ai tempi della fondazione di Laureana di Borrello. L’odierno comune di San Pietro di Caridà è stato costituito il 22 marzo 1928.